ORGANIZZAZIONE DI EVENTI IN 4 STEP - Agenzia marketing strategico e operativo

ORGANIZZAZIONE DI EVENTI IN 4 STEP

organizzazione di eventi

L’organizzazione di eventi è un’attività che desta parecchio fascino e questo lo dimostra il numero considerevole di persone che si appresta a intraprendere questa attività.

 

Organizzazione di eventi, event planning, event creator, event design, event management e la crescita del + 19% delle agenzie che si occupano di tutte le mille sfaccettature di #event possibili dimostra che questa professione e attività piace proprio tanto.

In questa sede però non vogliamo fare la differenza tra tutti gli #eventquaccheccosa che offre il mercato anzi, “quanti più siamo meglio stiamo” purchè ogni professione di queste legate al mondo dell’organizzazione degli eventi sia insita di valore e professionalità.

Oggi vogliamo raccontarvi quali sono gli step per costruire un evento che sia fatto di numeri e valori. Numeri intesi come quantità della gente che partecipa ad un evento, quantità di acquisti effettuati durante e dopo l’evento, numero di visualizzazioni che ottiene quell’evento, e di conseguenza l’azienda che lo promuove, numero delle interazioni e partnership che da un evento scaturiscono.

 

Ma un evento non è fatto solo di numeri, ovviamente. Esso deve comunicare valore ed ogni azienda ne ha uno, o più di uno.

 

L’evento aziendale non è un aperitivo al bar o un semplice momento di aggregazione. Organizzare un evento aziendale significa studiare ogni singolo dettaglio affinché esso supporti il perseguimento di quell’obiettivo che è stato il motore di tutto.

Che siano grandi eventi egregiamente strutturati e ormai diventati punti di riferimento in vari settori, o che si tratti di piccoli eventi, entrambi vanno realizzati seguendo un iter ben preciso perché nulla sia casuale e, soprattutto, perché l’evento colpisca nel segno.

Che sia un grande o un piccolo evento, l’organizzazione di un evento aziendale consta dunque dei seguenti step:

 

PRIMO STEP

 

Comprendere gli obiettivi di business del cliente: non sempre questi si perseguono con un evento, viceversa passa al secondo step.

 

SECONDO STEP

 

L’evento è il mezzo giusto? Se la risposta è affermativa bisogna passare all’organizzazione di eventi e studiare un format ovvero come questo evento dovrà strutturarsi perché esso arrivi dritto al centro. Studiare un format significa progettare un evento nella dinamica e nella comunicazione perché raggiunga l’obiettivo aziendale.

 

Daruma-Eventi
Campagna Affissioni Daruma Estate 2019

TERZO STEP

 

C-O-M-U-N-I-C-A-R-E l’evento. Ok l’organizzazione di eventi a regola d’arte ma un evento non comunicato o comunicato male è un evento che non esiste e che già in partenza è fallimentare, in termini di business. Spesso vedo spendere budget considerevoli in eventi con attrazioni e allestimenti scenografici degni di Enzo Miccio ma che sono privi di messaggi: un pò come un centro tavola di porcellana di Capodimonte comprato e messo lì ad adornare un ambiente che non vedrà nessuno. Che senso ha?

Ciò che vogliamo dire è: ok l’aspetto estetico, al quale noi stessi teniamo particolarmente, ma organizzare un evento significa realizzare un accadimento le cui dinamiche siano talmente armoniche e agganciate strategicamente da lanciare un messaggio ben preciso.

 

QUARTO STEP

 

Bilancio dell’evento. Come ogni strumento di comunicazione a fine evento si ragiona di numeri e, se possibile si pianifica come triplicare quei numeri e/o trasformarli in conversioni.

 

Un evento business non deve solo intrattenere ma deve vendere, un prodotto, un servizio o semplicemente l’identità aziendale e i suoi valori.

 

Ines Pesce – CEO & Marketing Consultant

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su pinterest
Pinterest
Condividi su whatsapp
WhatsApp

LASCIACI UN COMMENTO

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *